Tutte le soluzioni per il settore farmaceutico

  1. Rilevamento di bottiglie in PET e vetro trasparenti con varie forme e dimensioni. Ambiente di lavaggio, grado di protezione IP69K.

  2. Soluzioni per il rilevamento di fiale trasparenti in applicazioni farmaceutiche e medicali in cui è necessario un sensore in esecuzione igienica, adatto all'uso in ambienti di lavaggio con presenza di sostanze chimiche aggressive.

  3. Le soluzioni di rilevamento per il conteggio di fiale di vetro riflettenti in processi ad alta velocità devono assicurare tempi di riposta rapidi e tolleranza a condizioni di luce non ottimali.

  4. Soluzione per il rilevamento di fiale in vetro riempite con liquido trasparente in ambiente asettico, caratterizzato dalla presenza di acciaio inossidabile e da flaconi tondi.

  5. Sensori per il riconoscimento di bottiglie e fiale in vetro trasparente in applicazioni ad alta velocità con rilevamento preciso dei bordi iniziali.

  6. Soluzioni per il rilevamento di sacche per flebo, fiale in vetro, siringe e altri imballaggi per uso farmaceutico. L'ispezione dei livelli di riempimento assicura che la quantità di prodotto contenuta sia accurata.

  7. Sensore avanzato per il rilevamento di tacche Banner R58 ad alta velocità e a basso contrasto, in grado di rilevare tacche sottili su etichette man mano che queste avanzano ad alta velocità, assicurandone il taglio preciso nel momento giusto, per un corretto posizionamento delle stesse. Per facilitare i frequenti cambi di prodotto, il sensore è dotato di LED di diversi colori opzionali, che variano automaticamente in base al colore che meglio ottimizza il contrasto.

  8. Il sensore Banner R58 Expert per il rilevamento di tacche di registro con contrasto cromatico è un sensore ad alte prestazioni. Grazie alla frequenza di commutazione ultraveloce a 10 kHz, il sensore rileva rapidamente le tacche di registro ed è, perciò, la soluzione ideale per applicazioni di posizionamento tubi. Anche in presenza di superfici molto lucide in condizioni di basso contrasto di colore, l'R58 Expert è in grado di rilevare la tacca di registro su un tubo pieno, per determinarne il corretto orientamento.

  9. Clinical labs need to process samples quickly to keep throughput high and any lag during testing procedures would disrupt workflow. LED lightings, such as the K50L2, works as machine status indication so that the lab operators can process fix errors, handle samples, and collect results in a timely manner.

  10. Il sensore Banner iVu Plus BCR Gen 2, con display remoto rappresenta una soluzione facile per la lettura di codici a barre e la verifica dell'applicazione delle etichette corrette. I modelli iVu Plus BCR Gen 2 rappresentano soluzioni a risoluzione fine per la lettura di piccoli codici che richiedono il massimo ingrandimento e la modalità coarse, oltre che un'altissima velocità di funzionamento.

  11. Le etichette di flaconi di medicinali comprendono un codice a barre lineare e uno bidimensionale. Il dispositivo PresencePLUS P4 BCR legge entrambi i tipi simultaneamente, per verificarne la correttezza.

  12. Il PresencePLUS P4, equipaggiato con un lettore di codici a barre, migliora la conformità ai requisiti delle normative federali sull'identificazione e il tracciamento dei prodotti farmaceutici.

  13. Il lettore iVu BCR con diffusore circolare UV rappresenta la soluzione ideale per il rilevamento di codici a barre in una situazione con basso contrasto. Il lettore iVu è abbinato a un dispositivo di illuminazione a UV per realizzare una soluzione all-in-one che migliora il contrasto su etichette trasparenti, per poter identificare facilmente i codici a barre.

  14. Per ridurre il rischio di errore in un'operazione di assemblaggio, un sensore Pick-to-Light EZ-LIGHT PVD con portata di 400 mm è interfacciato con un controller di processo programmato sulla sequenza di assemblaggio corretta. Il controller regola la sequenza di accensione dei PVD nel giusto ordine, per mostrare all'addetto all'assemblaggio quale parte utilizzare. Il PVD rileva che la mano dell'addetto che entra e poi esce dal cestello; a quel punto il controller invia un segnale di accensione al PVD del cestello successivo nella sequenza di prelevamento, perché si illumini.

  15. La preparazione manuale dei kit presso grandi stazioni può rivelarsi dispendiosa in termini di tempo ed essere soggetta a errori umani, in particolare se gli scaffali sono difficili da raggiungere. I dispositivi Serie PTL110 pick-to-light sono scalabili per grandi sistemi e altamente versatili per completare diverse attività.

  16. L'illuminazione delle macchine all'interno di laboratori clinici automatizzati aiuta gli operatori a vedere e ad accedere ai campioni e alle apparecchiature utilizzate. Questi tipi di ambienti possono risultare ostici agli illuminatori tradizionali a causa della presenza di reagenti e sostanze chimiche durante le analisi e la pulizia. Il modello WLS28-2 presenta un grado di protezione IP69K per resistere a sostanze chimiche e lavaggi.

  17. L'ispezione di confezioni di prodotti farmaceutici in forma liquida viene eseguita visivamente e richiede l'individuazione di particelle di piccolissime dimensioni, il che rende importante assicurare un'illuminazione brillante e altamente uniforme.

  18. Il sensore analogico a ultrasuoni U-GAGE QT50U di Banner per il rilevamento su lunghe distanze possiede un raggio di misurazione sottile che funziona in aree ristrette, ad esempio un serbatoio, senza subire interferenze dalle pareti e con una capacità di rilevamento fino a una distanza di 8 metri. Il sensore a ultrasuoni può essere montato al centro, in modo che il raggio si propaghi sopra il serbatoio per rilevare il livello del liquido senza interferenze e segnalando quando occorre azionare la pompa per eliminare il liquido in eccesso o introdurre altro liquido.

  19. Banner ha combinato la tecnologia dei sensori in modalità emettitore/ricevitore WORLD-BEAM QS30, che offre un elevato eccesso di guadagno, con un raggio di rilevamento a infrarossi di 1450 nm, specialmente regolato sulla banda di assorbimento dell'acqua, per creare il sensore di presenza acqua QS30H2O. In questa applicazione, il potente raggio di rilevamento del sensore QS30H2O penetra attraverso la plastica opaca del contenitore. A 1450 nm, la capacità di assorbimento dell'acqua è pari a mille volte l'energia delle lunghezze d'onda alternative, il che impedisce al raggio di passare attraverso il liquido all'interno del contenitore.

  20. Il sensore analogico Q4X viene configurato in modalità Trigger e utilizza la funzione Media per fornire una misurazione del livello di riempimento più coerente. Il sensore Banner Q3X, il cui filo di uscita è collegato al filo di ingresso del controllo remoto del Q4X, viene utilizzato per rilevare il bordo iniziale del flacone di pillole e dispone di un timer dell'uscita one-shot, configurabile in base alla velocità del trasportatore per determinare quando e per quanto tempo il Q4X effettuerà la misurazione.

  21. I nodi SureCross con FlexPower e i sensori analogici U-GAGE QT50U Banner sono una soluzione veloce e semplice per rispondere a questi requisiti di monitoraggio senza opere edili o pose di cavi. Il nodo FlexPower trasmette i dati del sensore al dispositivo gateway. Quando si utilizza un Gateway Pro, i dati vengono registrati e, quando i livelli dei fluidi raggiungono un valore critico, è possibile inviare degli allarmi.

  22. Il rilevamento delle plastiche trasparenti è sempre difficoltoso. Il fascio ottico dei sensori fotoelettrici tradizionali attraversa il materiale trasparente, rendendo i risultati inaffidabili.

  23. Il sensore a ultrasuoni Banner T30UX è l'ideale per il controllo di anse in applicazioni di rilevamento di materiali trasparenti, in quanto utilizza onde acustiche anziché luminose, assicurando quindi risultati più accurati e convenienti Sebbene il materiale sia trasparente, presenta una superficie solida per le onde acustiche del sensore a ultrasuoni. Il sensore T30UX è dotato di un trasduttore più accurato, presenta una zona morta di piccole dimensioni e una distanza richiesta minima rispetto ad altri sensori che possono essere utilizzati per il rilevamento di materiali trasparenti.

  24. Il sensore miniaturizzato Q12 di Banner Engineering, completo di elettronica, rileva i dischi che trasportano le fiale mentre si spostano in un laboratorio clinico automatizzato. Sensori con prestazioni insoddisfacenti potrebbero inavvertitamente causare errori, rallentando la produttività del laboratorio. Il sensore Q12 si adatta bene ai laboratori clinici in quanto è compatto e può essere utilizzato in spazi ristretti senza compromettere i risultati. Il sensore a campo fisso può inoltre rilevare dischi indipendentemente dal colore.

  25. Il sensore laser Banner Q4X, realizzato in acciaio inossidabile 316L, è perfetto per applicazioni del settore farmaceutico e altre aree di riempimento asettiche. Il sensore Q4X presenta una portata da 25 a 300 mm, una dimensione dello spot del fascio precisa ed è in grado di rilevare in modo efficace l'orientamento dei tappi quando questi escono dall'alimentatore. Se vi sono tappi rovesciati, il sensore Q4X rileverà una differenza e scarterà il tappo.

  26. L'amplificatore a fibra ottica Banner DF-G2 è l'ideale per il rilevamento di piccoli oggetti e applicazioni di conteggio. L'amplificatore DF-G2 presenta una rapida velocità di risposta ed è in grado di rilevare oggetti estremamente piccoli, quali compresse o pillole di soli 3 mm. Quando le compresse cadono nei flaconi, si attiva l'uscita per l'amplificatore a fibra ottica DF-G2, che continua il conteggio delle compresse.

  27. Per rispondere alle esigenze di questa applicazione, Banner Engineering ha abbinato la tecnologia del D10D Expert con array in fibra ottica ottimizzati per il calcolo di piccoli oggetti, creando così il contatore piccoli oggetti D10. L'array a fibra ottica preconfigurato del contatore di piccoli oggetti rende l'allineamento e il controllo del posizionamento degli oggetti meno critico rispetto all'uso di un singolo emettitore puntuale con ricevitore a fibra ottica. Ciò assicura un conteggio affidabile e coerente di piccoli oggetti.

  28. L'installazione di una segnalazione sopra i cestini dei pezzi da montare rappresenta una soluzione semplice per mantenere tali cestini sempre riforniti e la linea di assemblaggio operativa. Il segnalatore EZ-LIGHT K80 fornisce un segnale luminoso ben visibile che l'operatore può azionare prima che i pezzi si esauriscano. Il segnalatore K80 lampeggia con luce rossa per segnalare al personale incaricato di riempire il cestino. In ambienti di produzione flessibili, le stazioni con operatori e le celle di lavoro devono consentire cambi rapidi per adattarsi alle esigenze delle linee di assemblaggio e di produzione.

  29. Per ispezionare con precisione ogni pacchetto che avanza su un trasportatore, è possibile utilizzare un sensore laser a tasteggio diffuso WORLD-BEAM QS18LD. Il sensore emette un raggio laser visibile di Classe 1, diretto sulla parte di nastro utilizzata per la saldatura del pacchetto. Quando la cima del pacchetto è chiusa e sigillata correttamente, il nastro dirige il raggio nuovamente verso il ricevitore.

  30. Per controllare ciascun alveolo di una confezione blister è possibile utilizzare un sensore Serie iVu configurato per un'ispezione in modalità Area. Il sensore ispeziona ciascuna confezione blister verificando che ciascun alveolo contenga una compressa integra.

  31. Una singola telecamera intelligente Serie VE, posta in prossimità dell'uscita della macchina, controlla più file di vassoi contenenti confezioni blister in una singola ispezione. La telecamera può essere installata circa 360 mm sopra la linea di produzione e un retroilluminatore a LED è installato 100 mm al di sotto della linea di produzione.

  32. Un fornitore globale di prodotti per il settore sanitario utilizzava macchine di visione per rilevare la presenza di particolato nei liquidi farmaceutici. Quando le macchine non si sono dimostrate più in grado di rilevare i contaminanti nel livello percentuale richiesto, l'azienda ha iniziato ad usare ispezioni visive condotte da persone. Poiché il particolato è estremamente minuto, l'azienda doveva installare un sistema di illuminazione brillante e uniforme presso le stazioni di lavoro per consentire agli operatori di verificare effettivamente la qualità dei prodotti.

  33. Per verificare che ciascuna confezione riporti un codice data/lotto stampato sullo stesso, un sensore Serie iVu configurato per un'ispezione Match. Viene acquista un'immagine del codice data/lotto. Quando si effettua l'ispezione, se il sensore rileva una confezione senza codice data/lotto, questo invia un segnale di errore in uscita al sistema di controllo della linea e il prodotto viene scartato.

  34. Per verificare che ciascuna unità includa un inserto informativo sul prodotto, un sensore Serie iVu viene montato sopra la linea di imballaggio. Il sensore è configurato per un'ispezione Match e controlla la presenza della brochure informativa sul prodotto inserita in ciascuna confezione di medicinali. La brochure può essere inserita con qualsiasi orientamento ma deve essere rivolta verso l'alto. Il sensore può rilevare l'inserto con una rotazione di 360 gradi.

  35. Per garantire che un tappo sia correttamente inserito in ogni fiala che lascia la stazione di riempimento, un sensore serie iVu - configurato per un'applicazione Area con movimento - verifica che la fiala in vetro sia provvista di tappo inserito nel collo e che il tappo sia posizionato correttamente, in modo da sigillarla. Se il tappo manca o non è posizionato correttamente, il sensore invia un segnale di scarto alla linea.

  36. Un sensore iVu BCR è montato a un'altezza di circa 203-305 mm (8-12") su un nastro trasportatore di flaconi di pillole confezionati in scatole che contengono anche un bugiardino. Lo scanner industriale di codici a barre iVu BCR legge un codice Data Matrix sul bugiardino per verificare che corrisponda al prodotto sulla linea di packaging. Quando l'area d'ispezione del sensore iVu BCR viene attraversata da una scatola contiene il bugiardino sbagliato, oppure se il bugiardino manca, il sensore rileva l'errore e invia un allarme alla linea di produzione.

  37. I sensori di visione serie iVu sono l'ideale per verificare che i materiali rispettino gli standard di qualità richiesti. Assicura un controllo completo e un feedback immediato per la configurazione e il monitoraggio dei prodotti. È disponibile con più tipi di sensori, tra cui il sensore blemish; quest'ultimo rappresenta la modalità più adatta per questa applicazione.

  38. La soluzione utilizza un sensore PresencePLUS P4 OMNI, un'ottica standard da 16 mm e un illuminatore lineare a LED a luce diffusa. Per creare l'ispezione è stato utilizzato lo strumento Geometric Count, che ricerca pattern di una fiala "buona" in tutta l'immagine. Il pattern è costituito dai contorni dei diametri interno ed esterno dell'apertura della fiala. Per rimuovere il riflesso dal fondo interno della fiala è stata utilizzata una maschera.

  39. Il sensore di visione Banner iVu TG per l'ispezione di più punti è l'ideale per il rilevamento e il controllo della posizione di collari antimanomissione. In questa applicazione, il collare deve essere posizionato attorno al tappo e al collo della bottiglia. Se il sigillo viene posizionato troppo in alto, troppo in basso o se manca completamente, il prodotto sarà considerato non accettabile. Grazie all'ispezione di più punti, il sensore di visione iVu TG può rilevare simultaneamente la mancanza del collare o il suo posizionamento non corretto.

  40. Dei tappi posizionati o sigillati in modo errato possono compromettere l'integrità dei prodotti: ecco perché è indispensabile verificare che siano in posizione corretta. L'ispezione visiva costituisce un metodo flessibile, efficace e valido per valutare la qualità della tenuta e la posizione dei tappi per il processo di riempimento delle fiale. Per i tappi da inserire a fondo, lo spazio tra il fondo del tappo e la cima della fila deve essere ridotto al minimo.

  41. Un sensore di visione PresencePLUS P4 COLOR OMNI verifica che la cassa sia piena di bottiglie e che queste abbiano il tappo dello stesso colore. Il sensore rileva se vi sono bottiglie mancanti, se queste non sono tappate o se vi sono tappi del colore sbagliato.

  42. Le severe norme in vigore rendono sempre più rilevante la qualità delle confezioni farmaceutiche. Il sensore di visione PresencePLUS Pro COLOR ispeziona le confezioni blister verificando che ciascun alveolo contenga la corretta compressa e che quest'ultima non sia rotta. Rileva inoltre gli alveoli vuoti e quelli che contengono materiale estraneo.

  43. Man mano che le bottiglie in plastica transitano sotto il sensore WORLD-BEAM Q12, il raggio a campo fisso identifica le bottiglie con il tappo, indipendentemente dal colore e scarta dalla linea quelle in cui il tappo risulta mancante. Il raggio LED del sensore Q12, simile al laser, rileva esattamente le distanze 15 mm, 30 mm e 50 mm, assicurando di non scambiare per errore gli oggetti l'interno delle bottiglie per tappi.

  44. Un sensore PresencePLUS OMNI ispeziona il collo delle bottiglie in plastica trasparente per verificare che il codice data/lotto sia stato stampato sulla bottiglia. Verifica inoltre che il tappo sia stato applicato correttamente e che il livello di riempimento della bottiglia rientri nei limiti accettabili.

  45. Dopo che un tecnico ha collocato le fiale in un vassoio ordinandole in base al colore dei tappi, un sensore PresencePLUS P4 COLOR OMNI verifica che la disposizione dei tappi colorati delle fiale sia corretta.

  46. Man mano che le bottiglie avanzano su un nastro trasportatore ad alta velocità, un sensore PresencePLUS P4 COLOR OMNI verifica che ogni bottiglia sia completamente riempita e assicura che il tappo sia correttamente inserito e del colore corretto. Il diffusore doppio crea il contrasto ottimale richiesto per l'ispezione.

  47. Di recente si è registrato il sempre maggiore utilizzo del teraftalato di polietilene (PETE) in sostituzione del polipropilene (PP) per la produzione di flaconi, un trend che ha spinto un'organizzazione leader negli Stati Uniti nella vendita per corrispondenza a rivalutare il proprio processo di evasione degli ordini. Con oltre 2000 sensori a LED rossi da sostituire, l'organizzazione si è rivolta a Banner per trovare una soluzione.

  48. Il sensore DF-G1 può essere facilmente configurato per rilevare piccoli bersagli, ad esempio siringhe, in un processo di confezionamento con spazio limitato. Con i potenti metodi TEACH e SET di Banner, i parametri ottimali di guadagno e soglia possono essere utilizzati per una vasta gamma di applicazioni, incluse quelle a basso contrasto e lunga portata.

  49. In questa applicazione, le siringhe semitrasparenti sono state orientate in un alimentatore (non in figura) e avanzano su una guida prima di passare alla successiva fase di assemblaggio e confezionamento. Un sensore a forcella Banner SLM rappresenta la soluzione ideale per questa applicazione poiché la custodia è dotata di emettitore e ricevitore all'estremità di ciascuna forcella, realizzando una configurazione con raggio di rilevamento perfettamente allineato, attraversato dalle siringhe.

  50. Il dispositivo WORLD-BEAM QS30 in modalità a campo regolabile rileva la presenza di flaconi in plastica di vari colori per medicinali e trasmette le informazioni a una riempitrice.

  51. Man mano che le siringhe transitano su un nastro trasportatore di fronte al sensore WORLD-BEAM QS18 con funzione di soppressione dello sfondo, il sensore rileva i corpi cilindrici e trasmette le informazioni al dispositivo di conteggio.