• Indietro

  • Codice di condotta dei fornitori

    Banner si impegna a mantenere la reputazione di organizzazione che esige pratiche commerciali etiche e alti livelli di integrità in tutte le proprie transazioni commerciali.  La solidità della reputazione di Banner si basa sulla nostra condotta e su quella dei nostri partner commerciali.  Per questo motivo, collaboriamo unicamente con fornitori che condividono i nostri valori e il nostro impegno verso pratiche commerciali etiche.  L'intero team Banner si impegna a rispettare i più alti standard di integrità e la piena conformità al Codice di condotta aziendale, nonché alle normative e alle politiche che riguardano la nostra attività.  Ci poniamo pertanto l’obiettivo di far sì che il nostro rapporto con i fornitori rifletta e supporti gli stessi elevati principi etici.

    In linea con questo obiettivo, Banner ha redatto un Codice di condotta per i fornitori, volto a ribadire l'impegno di Banner verso l'integrità e i principi etici.  Inoltre, il presente documento è teso a comunicare chiaramente a tutti i fornitori il significato del medesimo in relazione al loro rapporto commerciale con Banner.

    Banner tiene in grande considerazione i rapporti commerciali con i fornitori e chiede loro di condividere l’impegno ad attenersi almeno al rispetto dei seguenti standard:

    Condotta negli affari

    Rapporti etici – Un rapporto onesto con clienti e fornitori è essenziale per stabilire solide relazioni commerciali.  Banner cerca di offrire a tutti i potenziali fornitori un'equa considerazione.  Le decisioni si basano su criteri oggettivi quali il prezzo, la qualità e l’efficienza del servizio, oltre che sull'affidabilità e integrità del fornitore.  È vietato offrire o ricevere tangenti, mazzette o pagamenti simili di qualsiasi natura.

    Lotta contro la corruzione – Banner si impegna a trattare in modo lecito ed etico con governi e clienti in tutto il mondo.  Le politiche e legislazioni vigenti in tema di diritto societario, quali il Foreign Corrupt Practices Act statunitense, il Bribery Act del Regno Unito e altre analoghe leggi per la lotta alla corruzione in tutto il mondo, vietano ai nostri dipendenti e ai relativi agenti di offrire o corrispondere denaro o qualsiasi oggetto di valore, direttamente o indirettamente, a chiunque al fine di indurre tale persona a influire su un’azione o decisione della pubblica funzione, o allo scopo di aiutare la Società a ottenere o mantenere attività commerciali, o assicurarsi altri vantaggi indebiti.  Questo divieto si applica a tutti i clienti, siano essi enti pubblici o controllati da governi o meno, e a tutti i funzionari pubblici di ogni ordine e grado.

    Nei loro rapporti commerciali con Banner, i fornitori di Banner non possono agire in alcun modo che risulti in violazione di questo importante principio.  Inoltre, i fornitori di Banner sono tenuti a collaborare solo con fornitori che non violino i principi etici tramite tangenti, mazzette o altri analoghi pagamenti impropri o illegali.  Oltre a ciò, i fornitori devono essere al corrente e rispettare tutte le leggi e i regolamenti applicabili dei Paesi in cui operano.

    Nonostante il Foreign Corrupt Practices Act statunitense consenta, in determinati casi, il ricorso a pagamenti a funzionari pubblici cosiddetti “incentivanti”, o piccoli pagamenti effettuati per ottenere servizi ministeriali e governativi a cui il pagatore ha diritto, Banner vieta di effettuare tali pagamenti. Tale divieto si estende a chiunque agisca per conto di Banner.

    Doni – I fornitori devono essere consapevoli che ai dipendenti di Banner è fatto divieto di offrire, ricevere o sollecitare doni, pagamenti o altri benefici che possano influenzare qualsiasi decisione commerciale o creare l’impressione di influenzare qualsiasi decisione commerciale.  I fornitori sono pertanto scoraggiati dall'offrire doni di qualsiasi tipo e non possono assolutamente offrire doni o altri vantaggi di valore superiore a quello nominale, ossia 100 dollari statunitensi per dipendente di Banner una volta all'anno.  La politica di Banner proibisce gli omaggi in contanti o equivalenti di contanti (come gift card o buoni regalo).

    Intrattenimento – I fornitori devono essere consapevoli del fatto che non è consentito intrattenere i dipendenti di Banner in modo tale da farli sentire obbligati a prendere una determinata decisione commerciale.  Anche l'apparenza di tale obbligo deve essere evitata.  I fornitori possono intrattenere i dipendenti di Banner solo se:

    • L'intrattenimento è accessorio a una discussione riguardante l'attività di Banner
    • L'intrattenimento avviene in un luogo appropriato per una discussione di lavoro
    • L'intrattenimento ha un prezzo ragionevole
    • L'intrattenimento non è stato sollecitato dal dipendente Banner

    Conformità alle regole commerciali

    I fornitori non possono rifornirsi di beni o servizi destinati a Banner da entità con sede legale a Cuba, in Iran, nella Corea del Nord, in Sudan o in Siria, né da qualsiasi altra persona fisica o giuridica identificata in un elenco di soggetti sotto restrizione.  Ai fornitori è inoltre fatto divieto di fornire a Banner merci provenienti da qualsiasi Paese soggetto a sanzioni commerciali, tra cui Cuba, Iran, Corea del Nord, Sudan o Siria, nonché di merci che abbiano transitato o fatto scalo in un porto degli stessi Paesi, indipendentemente dal fatto che siano state o meno scaricate.

    Minerali non provenienti da zone di conflitto

    Il Gruppo di Esperti delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha stabilito che il commercio di alcuni minerali estratti nella Repubblica Democratica del Congo, in Angola, Burundi, Repubblica Centrafricana, Congo, Ruanda, Sudan del Sud, Tanzania, Uganda e Zambia (le “Zone di conflitto”) ha contribuito a esacerbare i conflitti e le violazioni dei diritti umani nella regione orientale della Repubblica Democratica del Congo.  Il termine “minerali non provenienti da zone di conflitto” si riferisce attualmente a tantalio, stagno, tungsteno, oro o loro derivati, che non finanziano, direttamente o indirettamente, gruppi armati attraverso attività minerarie o di commercio di minerali nelle Zone di conflitto.  Banner si impegna a reperire materiali, componenti e prodotti da fornitori che condividono i medesimi valori e l’impegno a perseguire una catena di approvvigionamento dei minerali libera dai conflitti.  Banner esige lo stesso impegno da parte dei propri fornitori. Per perseguire questo obiettivo, Banner chiede ai propri fornitori di (i) condurre una ragionevole due diligence sulla propria catena di approvvigionamento per identificare e documentare l’origine dei minerali contenuti nei materiali, componenti e prodotti forniti a Banner; (ii) rispondere alle richieste di informazioni di Banner a supporto dei requisiti di segnalazione di Banner previsti dalla Sezione 1502 del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act statunitense; (iii) adottare politiche e sistemi per l'approvvigionamento di minerali non provenienti da zone di conflitto; e (iv) richiedere ai fornitori di adottare pratiche e politiche di approvvigionamento socialmente responsabili.

    Condizioni ambientali

    I fornitori e i subappaltatori di Banner sono tenuti a rispettare le norme, i regolamenti e gli standard applicabili alle proprie attività in materia ambientale e a osservare pratiche rispettose dell'ambiente in tutti i luoghi in cui operano.

    Direttiva RoHS sulla restrizione delle sostanze pericolose – La Commissione Europea ha promulgato la Direttiva RoHS inerente i prodotti contenenti sostanze pericolose che non possono entrare nel territorio dell’Unione Europea.  I fornitori di Banner sono tenuti a monitorare, mantenere e dichiarare l'adesione a tale Direttiva nella sua versione più recente.

    Direttiva REACH sulla registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche – Il regolamento dell'Unione Europea REACH è stato adottato a tutela della salute umana e dell'ambiente contro i rischi legati all’esposizione a sostanze potenzialmente pericolose.  Tale regolamento esige una serie di procedure per la raccolta, la valutazione e la segnalazione di informazioni sulle proprietà e i pericoli delle sostanze.   I fornitori di Banner sono tenuti ad aderire a tale Direttiva nella sua versione più recente.

    Discriminazione e molestie

    I fornitori e i subappaltatori di Banner si impegnano a non sottoporre nessuno dei propri dipendenti a discriminazioni sul lavoro, ivi comprese legate all’assunzione, alla retribuzione, ai benefit, all'avanzamento di carriera, alla disciplina, alla cessazione del rapporto di lavoro o al pensionamento, sulla base di genere, razza, religione, età, disabilità, orientamento sessuale, nazionalità, opinioni politiche o origini sociali o etniche.

    I fornitori e i subappaltatori di Banner sono tenuti a trattare i propri dipendenti con rispetto e dignità.  Nessun dipendente sarà soggetto a molestie o abusi fisici, sessuali o psicologici.

    Banner vieta qualsiasi forma di molestia, sia fisica che verbale.  In generale, per “molestia” si intende qualsiasi forma di comportamento indesiderato nei confronti di un'altra persona, motivato da una condizione protetta dalla legge applicabile e avente lo scopo o l'effetto di creare un ambiente di lavoro intimidatorio, ostile od offensivo, ad esempio una condotta sessuale indesiderata, minacce e commenti offensivi.

    Banner vieta ogni forma di ritorsione per aver segnalato in buona fede una violazione potenziale o effettiva del Codice di condotta per i fornitori di Banner.

    Sicurezza

    Per quanto riguarda le forniture in uscita, i fornitori e i subappaltatori di Banner manterranno procedure di sicurezza all’interno dei propri stabilimenti per tutelarsi dall’introduzione di merce non figurante sulla polizza di carico (ad esempio narcotici, esplosivi, materiali a rischio biologico e/o altri generi di contrabbando).

    Politiche occupazionali

    Lavoro forzato - Banner non acquisterà prodotti o componenti da fornitori che fanno uso di lavoro forzato, manodopera carceraria, lavoro vincolato o coatto, ed estenderà il divieto ai propri fornitori.

    Lavoro minorile - Banner non acquisterà prodotti o componenti fabbricati da persone di età inferiore ai 15 anni, o inferiore all'età di completamento dell'istruzione obbligatoria nel Paese di produzione, qualora tale età fosse superiore ai 15 anni.  I fornitori di Banner non devono impiegare lavoro minorile.

    Diritti umani universali

    Banner si impegna a rispettare i diritti umani in tutto il mondo.  A tal fine, Banner mette in pratica e cerca di collaborare con fornitori che promuovono i seguenti standard, conformemente alla legge applicabile:

    • Pari opportunità per i dipendenti a tutti i livelli, indipendentemente da colore della pelle, razza, genere, identità di genere, età, etnia, origine nazionale, orientamento sessuale, stato civile, religione, stato di veterano, disabilità o qualsiasi altra condizione protetta dalla legge;
    • Retribuzioni che consentano ai dipendenti di soddisfare almeno le proprie esigenze basilari e opportunità per i dipendenti di ampliare le proprie competenze e capacità;
    • Orari di lavoro in linea con le disposizioni legislative e retribuzione per le ore di lavoro straordinarie in conformità alle leggi locali vigenti;
    • Rispetto della libertà di associazione dei dipendenti; riconoscimento di tutti i diritti legali di organizzazione e contrattazione collettiva; collaborazione con il governo e le comunità in cui operiamo per migliorare l'istruzione, il benessere culturale, economico e sociale di tali comunità.

    Salute e sicurezza

    I fornitori e i subappaltatori di Banner devono garantire un ambiente di lavoro sicuro e salutare per prevenire incidenti e danni alla salute derivanti da, collegati a o che si verificano durante il lavoro o in seguito all’utilizzo di attrezzature del datore di lavoro.  I datori di lavoro devono rispettare appieno tutte le condizioni di lavoro e le leggi applicabili in materia di sicurezza e tutela dell’ambiente.

    Inoltre, tutti i rappresentanti dei fornitori che forniscono i propri servizi in loco presso gli stabilimenti Banner sono tenuti a rispettare tutti gli standard di sicurezza di Banner.

    Informazioni riservate/proprietarie

    I fornitori sono tenuti a rispettare i diritti di proprietà intellettuale e a proteggere le informazioni di Banner; il trasferimento di tecnologie e know-how deve avvenire in modo da tutelare i diritti di proprietà intellettuale.

    Segnalazione e notifica

    Banner richiede una tempestiva notifica da parte dei propri fornitori in caso di mancato rispetto del presente Codice di condotta o di qualsiasi attività illegale o penale legata alla nostra attività.

    Il mancato rispetto del Codice di condotta per i fornitori di Banner può comportare la cessazione del rapporto con il fornitore, a seconda della gravità della violazione e delle circostanze particolari.