Rilevamento di oggetti trasparenti e riflettenti

Il sensore Q4X assicura il rilevamento di bottiglie trasparenti nel settore delle bevande

Il rilevamento di oggetti trasparenti o brillanti rappresenta una delle applicazioni più impegnative per i sensori. Le variazioni di forma, dimensione, materiale, colore e traslucenza può rendere difficile un rilevamento accurato.  Ad esempio, la luce del sensore può passare attraverso il bersaglio o venire riflessa in modo irregolare.  

Inoltre, non tutti i materiali trasparenti e riflettenti attenuano la luce allo stesso modo: ad esempio, il vetro trasparente attenua la luce in modo diverso rispetto alla plastica trasparente, mentre le variazioni nei contorni e nelle scanalature delle bottiglie possono riflettere la luce in modi imprevedibili. 

Inoltre, i nastri trasportatori che avanzano ad alta velocità e le aree sottoposte a lavaggi aggressivi, presenti in molte applicazioni di rilevamento di oggetti trasparenti, costituiscono ulteriori sfide.


Principali soluzioni per il rilevamento di oggetti trasparenti

Il sensore Q4X rileva i vassoi trasparenti in un'applicazione del settore alimentare
Sensori di distanza laser e fotoelettrici

Due tecnologie comuni per il rilevamento di oggetti trasparenti sono: sensori di distanza laser e sensori fotoelettrici a riflessione (sensori ottici). 

I sensori di distanza laser rappresentano una soluzione estremamente efficace per il rilevamento di oggetti trasparenti, incluso il rilevamento di piccoli bersagli.  Con i sensori di misura laser dotati della doppia modalità è possibile rilevare i cambiamenti di distanza e intensità della luce per identificare in modo affidabile gli oggetti trasparenti; questi sensori non richiedono un catarifrangente o un ricevitore, rendendo più flessibile il montaggio e riducendo costi di inventario e di manutenzione.  Inoltre, sono disponibili sensori laser con velocità di risposta fino a 0,5 ms per rilevare bersagli in rapido spostamento.

A seconda dell'applicazione, può essere opportuno considerare l'uso di sensori fotoelettrici a riflessione.  Un sensore fotoelettrico progettato per il rilevamento di oggetti trasparenti rappresenta spesso una soluzione economica adatta agli oggetti più grandi e ben distanziati tra loro, in applicazioni che non richiedono la precisione di un sensore laser.  Come i sensori laser, anche i sensori fotoelettrici offrono tempi di risposta molto rapidi per applicazioni ad alta velocità.  È importante considerare, tuttavia, che questi sensori richiedono il montaggio di un catarifrangente.     


Abbina il sensore alla tua applicazione

q5x-bottle-accumulation
Per le applicazioni più esigenti

Scelta di sensori laser di distanza a doppia modalità

Il sensore laser di misura con doppia modalità rappresenta una soluzione eccellente per il rilevamento di oggetti trasparenti e riflettenti. Il piccolo spot di luce laser visibile consente un facile allineamento del sensore e una maggiore precisione, oltre a permettere il rilevamento di oggetti più piccoli e meno distanziati tra loro rispetto a un sensore LED.  Inoltre, i sensori laser con doppia modalità non richiedono un catarifrangente, rendendo il montaggio più flessibile e riducendo i costi di inventario e di manutenzione. 

Oltre a misurare la distanza, i sensori laser con doppia modalità possono rilevare anche variazioni nell'intensità luminosa rispetto a una condizione stabile (sfondo). In altre parole, un sensore laser di distanza con doppia modalità può rilevare non solo se è presente il bersaglio entro una certa distanza ma anche quando questo riflette una certa quantità di luce verso il ricevitore.   

Perché questo funzioni, è necessario che il sensore apprenda a riconoscere una superficie di riferimento stabile: la distanza e l'intensità di tale superficie vengono registrate e utilizzate come riferimento. La presenza di un oggetto trasparente o altamente riflettente nel campo di rilevamento altera la distanza e l'intensità luminosa percepite rispetto alla condizione dello sfondo. 

QS30ELVCQ COD
Per applicazioni dai costi contenuti

Scelta di sensori fotoelettrici con ottica coassiale polarizzata

I sensori fotoelettrici a LED più comunemente utilizzati per il rilevamento di oggetti trasparenti sono quelli in modalità a riflessione. Ogni sensore integra un emettitore e un ricevitore. L'emettitore dirige un fascio di luce verso un catarifrangente che devia il raggio di nuovo verso il ricevitore. Un oggetto che passa tra il sensore e il catarifrangente blocca o attenua la percentuale di luce emessa.  

I sensori fotoelettrici a riflessione con ottica coassiale emettono e ricevono la luce lungo un asse sottile. In questo modo si ottimizza il rilevamento di oggetti trasparenti riducendo sostanzialmente il rischio di falsi rilevamenti della luce riflessa. I sensori basati su questa tecnologia presentano uno spot piccolo e brillante che semplifica l'allineamento e consente un rilevamento preciso del bordo iniziale.

I sensori fotoelettrici con filtri polarizzati emettono e rilevano onde luminose con una polarizzazione specifica, scartando tutte le altre onde luminose. Ciò riduce ulteriormente il rischio di falsi rilevamenti causati dalla luce riflessa. Scopri di più sull'ottica coassiale polarizzata per il rilevamento di oggetti trasparenti.

QS30ELVCQ COD
q4x-paint-can-detection
Per ambienti di lavaggio e igienici

Scegli sensori con grado di protezione IP69K

Spesso le applicazioni di rilevamento di oggetti trasparenti rientrano nei settori alimentare e delle bevande, in cui è frequente l'esposizione a lavaggi ad alta pressione e alta temperatura e/o di tipo CIP per assicurare l'igienicità necessaria nella catena alimentare. 

I sensori con grado di protezione IP69K sono ideali per questi ambienti, poiché sono stati testati per garantire un funzionamento affidabile anche se sottoposti a frequenti pulizie.  Un robusto sensore in acciaio inossidabile costituisce una scelta apprezzata e in alcune applicazioni potrebbe essere necessario un sensore realizzato con materiali adatti al contatto con alimenti.  Scopri di più sul grado di protezione IP e sul suo significato.

In alcuni casi, è possibile utilizzare anche sensori di plastica, purché assicurino una tenuta adeguata.  Inoltre, alcuni sensori fotoelettrici possono vedere attraverso un diaframma, che li protegge da ambienti di lavaggio e igienici.  


Prodotti in primo piano

Q4XT Facing Left
Serie Q4X

Sensore laser di distanza IP69K, portata 25-610 mm

I sensori laser di distanza, robusti e versatili, offrono prestazioni eccellenti e sono in grado di rilevare a distanza variazioni inferiori al millimetro.

  • Disponibili nei modelli digitale, analogico (da 0 a 10 V o da 4 a 20 mA), oggetti trasparenti e IO-Link
  • Campo di misura affidabile da 25 mm a 610 mm
  • Rileva bersagli in un'ampia varietà di colori, materiali e superfici, in base alla distanza
  • Con la doppia modalità TEACH (intensità + distanza), è l'ideale per applicazioni di verifica errori e consente il rilevamento di oggetti trasparenti senza catarifrangenti
  • Robusta custodia con grado di protezione IP69K e acciaio inossidabile con approvazione FDA
q5x-208134-a
Serie Q5X

Sensore laser di distanza, portata 9,5 cm - 2 m

Il laser di soppressione dello sfondo Q5X è un sensore potente con funzionalità di risoluzione dei problemi, racchiuso in un dispositivo conveniente con custodia rettangolare in linea con gli standard del settore.

  • La portata va da 9,5 cm a 2 m
  • L'eccesso di guadagno eccezionalmente alto permette al sensore di rilevare in modo affidabile gli oggetti più scuri (bersagli neri con riflettanza
  • Rilevamento affidabile di bersagli neri su sfondo nero, bersagli neri su sfondo in metallo lucido, oggetti riflettenti e trasparenti, imballaggi multicolori e bersagli di tutti i colori
  • La modalità DUAL TEACH consente la misurazione contemporanea di distanza e intensità luminosa, per risolvere le applicazioni più complesse
q5x-208134-a
qs18e_194505_a
Serie QS18 COD

Sensore fotoelettrico per rilevamento di oggetti trasparenti

La custodia universale con ottica filettata di 18 mm è il ricambio ideale per centinaia di sensori di tipo diverso. I modelli per il rilevamento di oggetti trasparenti utilizzano l'algoritmo "Clear Tracking" che compensa automaticamente gli effetti dell'accumulo di polveri e delle variazioni di temperatura ambientale, aumentando l'affidabilità e la durata del sensore.

  • Custodia universale, con ottica filettata da 18 mm o supporti laterali
  • Valida alternativa a centinaia di altri sensori
  • Grado di protezione IP67, conforme a NEMA 6 per condizioni ambientali difficili
  • Portate fino a 20 m
  • Presenta un LED brillante per l'indicazione dello stato
  • Modelli COD (Clear Object Detection) specificatamente progettati per il rilevamento di oggetti trasparenti.

Risorse