Tutte le soluzioni per il settore automotive

  1. Soluzioni per il rilevamento della presenza di un tettuccio panoramico sulla linea di assemblaggio di automobili, in applicazioni in cui è richiesta una lunga portata.

  2. La barriera ottica di sicurezza serie EZ-SCREEN® di Banner è una soluzione collaudata per i requisiti complessi dei macchinari di saldatura. Grazie alla possibilità di collegare in serie più elementi, configurazioni orizzontali e verticali abbinate sono facilmente realizzabili con componenti standard (nessun modello master/slave).

  3. Un carrello si sposta lungo un nastro trasportatore fino a un'area pericolosa protetta da un sistema multiraggio EZ-SCREEN. Quando il carrello si avvicina, il sistema EZ-SCREEN multiraggio viene temporaneamente inibito per lasciare passare il carrello senza arrestare il nastro. Mentre il sistema multiraggio è inibito, si corre il rischio che un operatore tenti di accedere all'area pericolosa tramite il cancello di protezione dotato di dispositivo di interblocco, ponendo l'operatore in una situazione pericolosa, con la possibilità che rimanga colpito dal carrello in movimento.

  4. An automotive manufacturer was rejecting a supplier’s shipment of rear window assemblies due to faulty defroster grids. The supplier’s existing test procedure measured current draw across the entire heating system to detect an overall failure, but it could not detect the subtle impact of a single heating wire being broken. The window supplier partnered with a Michigan-based machine automation company to create a better test fixture—one that can verify each defrost wire heats to specification prior to shipping.

  5. • Expand available data beyond local indication • Gather information necessary to react quickly • Drive efficiency improvements based on data previously unavailable

  6. • Increase efficiency using a wireless call-for-parts/service/pickup system • Connect up to 18 work stations with six forklifts/Hi-Los • Resolve critical issues quickly without disrupting workflow

  7. • Provide at-a-glance machine status indication • Send machine status information to a wide range of devices • Alert staff and supervisors of critical conditions via text message or email

  8. • Restock assembly stations before components run out without overstocking • Provide real-time communication between assemblers and the forklift operators who supply them • Monitor delivery efficiency

  9. • Remove completed pallets from assembly stations quickly • Enable direct communication from assembly stations to AGVs • Improve process efficiency using turnaround time data to

  10. • Provide high-visibility warning indication • Minimize risk to staff in high-traffic forklift area • Facilitate the flow of traffic through an area with visual obstructions

  11. • Provide instant visual communication across a busy plant floor • Collect machine status and other data to calculate Overall Equipment Effectiveness (OEE) • Alert staff to critical conditions via text message or email

  12. • Identify small problems before they become major issues that impact machine performance and uptime • Access environmental data from a remote location • Notify operators of critical conditions via text message or email

  13. • Identify machine problems before they cause serious damage or unplanned downtime • Alert staff of changes in condition via text message or email • Provide at-a-glance local indication of machine status

  14. Monitoring production inputs and outputs provides machine operators and managers with critical data about their processes and equipment and can help them identify and resolve problems on the production line more quickly.

  15. S22 Pro Series touch buttons and indicators simplify control panel design and improve operator experience and performance. Pro Editor software expands the built-in display capabilities available with the S22 Pro Series, enabling custom displays.

  16. Prima dell'invio all'assemblatore del brand, un fornitore di alette parasole per auto aveva necessità di verificare se i codici a barre UV Data Matrix erano stati stampati sull'etichetta di sicurezza di ogni aletta. Il cliente si è rivolto a Banner in cerca di una soluzione per leggere il codice a barre 2D Data Matrix invisibilie e inviare i dati via IP Ethernet a un PLC a fini di tracciabilità/verifica di eventuali errori.

  17. iVu Plus BCR Gen 2 con ottiche micro da 25 mm sostituisce i lettori di codici a barre manuali per la raccolta di dati dai codici QR ricchi di informazioni e difficili da leggere, stampati sulle trasmissioni dei veicoli. Un faretto a LED ad alta intensità WL50S illumina l'area del bersaglio.

  18. I codici DPM (Direct Part Mark) possono essere piccoli, complessi e difficili da distinguere dal materiale su cui sono incisi. Il lettore di codici a barre ABR 7000 è disponibile in modelli specificatamente progettati per applicazioni a basso contrasto e DPM difficili, come quella descritta.

  19. Un cliente Henshaw fabbrica organi di trasmissione e gruppi propulsori per il settore automotive. L'azienda ha sofferto dei cali di produttività nel montaggio dei corpi delle valvole della trasmissione. Henshaw ha ricevuto l'incarico di sviluppare un sistema per ridurre gli errori e migliorare il processo di assemblaggio.

  20. L'indicatore a campo fisso Banner K50 rileva le mani protette da guanti ed è in grado di verificare quando gli operatori selezionano i pezzi corretti durante il processo di assemblaggio di kit. Le funzionalità logiche dell'indicatore K50 permettono di segnalare quando l'operatore ha prelevato il pezzo corretto, cambiando il colore da verde a giallo. Sono disponibili altri colori in base alle preferenze del produttore. La capacità di rilevare guanti neri dell'indicatore K50 è particolarmente importante nei processi di produzione "lean" in cui gli operatori indossano in genere guanti scuri.

  21. Per ridurre il rischio di errore in un'operazione di assemblaggio, un sensore Pick-to-Light EZ-LIGHT PVD con portata di 400 mm è interfacciato con un controller di processo programmato sulla sequenza di assemblaggio corretta. Il controller regola la sequenza di accensione dei PVD nel giusto ordine, per mostrare all'addetto all'assemblaggio quale parte utilizzare. Il PVD rileva che la mano dell'addetto che entra e poi esce dal cestello; a quel punto il controller invia un segnale di accensione al PVD del cestello successivo nella sequenza di prelevamento, perché si illumini.

  22. I sensori Pick-to-Light EZ-LIGHT PVA costituiscono una soluzione affidabile per il rilevamento degli errori in vari sistemi di processo. La luce indica agli operatori addetti all'assemblaggio quali elementi prelevare e in quale sequenza.

  23. Dispositivi PTL110 pick-to-light in una stazione di assemblaggio multiprodotto rappresentano un modo efficace di prevenire errori e velocizzare i tempi di lavoro. I sensori ottici sui dispositivi PTL rilevano i movimenti delle mani, a conferma del prelievo avvenuto.

  24. La preparazione manuale dei kit presso grandi stazioni può rivelarsi dispendiosa in termini di tempo ed essere soggetta a errori umani, in particolare se gli scaffali sono difficili da raggiungere. I dispositivi Serie PTL110 pick-to-light sono scalabili per grandi sistemi e altamente versatili per completare diverse attività.

  25. Un costruttore realizza macchine per prove e misurazioni per il settore dell'automazione. Gli operatori accedono ai sistemi della macchina tramite l'armadio di comando. Un'intensa illuminazione dell'armadio facilita le operazioni di manutenzione e gestione della macchina. Per questo compito venivano in precedenza utilizzati apparecchi fluorescenti alimentati in CA.

  26. Per illuminare aree di lavoro, piccoli ambienti e quadri elettrici, American Hoffmann Corporation ha scelto le barre luminose a LED WLB32 al posto delle lampade fluorescenti. La migliore distribuzione della luce offerta dalle barre luminose a LED WLB32 in aggiunta alla semplicità d'installazione sono stati i fattori determinanti per la scelta dell'azienda.

  27. Scopri come gli illuminatori di servizio a LED a luce verde rendono più visibili le imperfezioni superficiali nei materiali utilizzati per la produzione

  28. Le ispezione in impianti del settore automobilistico richiedono un'illuminazione uniforme e brillante che riduca il riverbero per esaminare correttamente i componenti dei veicoli. Una maggiore intensità luminosa può migliorare la produttività degli operatori e ridurre l'affaticamento visivo.

  29. Trovare una soluzione di illuminazione ultra brillante a intensità elevata può essere complicato. Poiché per illuminare le aree di un nastro trasportatore occorrono più illuminatori, è necessaria un'opzione di montaggio semplice per collegare assieme i diversi apparecchi.

  30. The S15L Series In-Line Sensor Status Indicator is a two color indicator light that indicates power and output status. Its inline connection, over-molded design and bright indication create a cost-effective solution that can be applied to most 4- or 5-pin devices with an output.

  31. Un'azienda del settore automotive produce una vasta gamma di sistemi per autoveicoli. I sedili uniscono caratteristiche strutturali e di design a funzionalità che ottimizzano il comfort e la sicurezza. I sensori di peso installati sotto le sedute funzionano coordinandosi con i sistemi di sicurezza del veicolo per determinare la dimensione e la posizione dell'occupante del sedile. Questi fattori influenzano come o se gli airbag verranno impiegati in caso di incidente.

  32. Il sensore laser di misura LH è una soluzione perfetta perché effettua rilievi estremamente accurati, misurando lo spessore con una precisione al micron. I sensori della serie L-GAGE LH puntano costantemente sui bersagli scuri a livelli di micron. Il sensore ottico lineare CMOS LH a 1024 pixel funziona a risoluzioni micrometriche, con una capacità compresa tra 1-10 micron, ed è in grado di misurare lo spessore delle lamiere metalliche con una velocità pari alla sua accuratezza.

  33. Le ispezioni condotte durante l'assemblaggio consentono di misurare la regolazione in altezza del sedile, il movimento in avanti e all'indietro e il moto di ribaltamento e raddrizzamento. Per ogni ispezione vengono impiegati due sensori. I sensori sono installati separatamente dalla linea del trasportatore per agevolare l'accesso ai sedili e non ostacolarne il movimento. Alla massima distanza raggiunta durante l'ispezione, un sedile può trovarsi fino a un metro dai sensori.

  34. Le misurazioni dell'eccentricità dell'albero motore devono essere monitorate continuamente per assicurarsi che siano in linea con i requisiti di tolleranza. Scopri di più su come i sensori di misura laser serie LM forniscono una soluzione per questa applicazione complessa.

  35. Prima che l'operatore attivi una macchina per la produzione di pneumatici, un sensore di visione PresencePLUS P4 OMNI 1.3 ispeziona gli strati per accertare che la sovrapposizione avvenga alternando strati con orientamento opposto. Se vengono sovrapposti strati con il medesimo orientamento, il pneumatico formato prosegue il processo di fabbricazione ma finisce per non superare i test di bilanciamento per cui viene scartato.

  36. Un produttore leader di macchinari costruisce stazioni di lavoro sviluppate per l'assemblaggio accurato, tempestivo e conveniente di elementi di batterie. Un componente a valore aggiunto delle stazioni di lavoro è un dispositivo che guida l'operatore e che svolge tre funzioni: abilita l'inizio e l'arresto dei processi di assemblaggio, indica i componenti da prelevare e installare e arresta del tutto la linea in caso di emergenza. Quando la costruzione e il montaggio di questi dispositivi sono diventati troppo costosi per l'OEM, questi si è rivolto a Banner per richiedere la realizzazione di una soluzione all-inclusive. Per rispettare la tempistica concordata con il cliente (un importante fornitore di accumulatori Tier 2), l'OEM aveva bisogno di ricevere la soluzione in otto settimane.

  37. I sensori laser di misura Banner L-GAGE LH sono l'ideale per applicazioni che richiedono il posizionamento esatto dei pezzi. I sensori della Serie L-GAGE LH cercano costantemente bersagli scuri a livelli di micron. Si tratta di sensori estremamente accurati che consentono un posizionamento preciso, quale può essere quello necessario per i blocchi motore. Il sensore effettua misure su pressoché qualsiasi superficie, ad esempio leghe di ferro o alluminio, spesso utilizzate per la produzione di blocchi motore.

  38. In uno stabilimento di assemblaggio del settore automotive, vengono utilizzati dei perni temporanei per fissare in posizione alcuni componenti. Per accertare che i perni temporanei vengano poi rimossi, la stazione di ispezione include un contenitore per i perni, provvisto di un sensore Pick-to-Light EZ-LIGHT PVA.

  39. Il versatile sensore laser Banner Q4X è l'ideale per il rilevamento della presenza/assenza di componenti, anche in applicazioni complesse e con piccole variazioni in altezza, ad esempio la verifica della presenza di particolari neri su parti in metallo brillante. Le rondelle devono essere presenti nei blocchi motore di alluminio pressofuso e il sensore Q4X è in grado di rilevare piccole differenze in altezza, anche di solo 1 mm, e di inviare il corrispondente segnale agli operatori nel caso una rondella risulti mancante. Il sensore Q4X può rilevare rondelle in gomma doppie grazie alla capacità unica di definizione della finestra in modalità a soppressione del primo piano.

  40. Una telecamera Smart Serie VE, configurata per l'uso dello strumento striscia di colla, ispeziona ciascuno sportello per verificare la presenza e la consistenza dell'adesivo. La telecamera presenta un ampio angolo di visione e un sensore ottico da 2 MP, in grado di rilevare anche le minime incoerenze nella quantità di adesivo applicato.

  41. Il sensore laser Q4X basato su triangolazione e con funzioni di risoluzione dei problemi non dimostra incertezze nel rilevamento di oggetti scuri su sfondo scuro, anche in caso di dislivello. Il sensore Q4X rappresenta una soluzione di rilevamento affidabile con prestazioni "best-in-class" in termini di eccesso di guadagno e in grado di effettuare valutazioni buono/scarto in base alla distanza, al colore o alla riflettività.

  42. Per verificare se su un piccolo componente metallico è presente la quantità prevista di fori, è possibile configurare il sensore di immagine iVu Plus TG con ispezioni multipunto per più ROI (Regions Of Interest) in modo da garantire la presenza e la corretta posizione dei fori. Configurato per l'ispezione di un'area, l'iVu esamina il componente stampato in più punti per verificare la presenza o assenza degli elementi d'interesse.

  43. Spesso i sensori convenzionali non sono adatti a rilevare la presenza dei filetti. Il raggio laser sottile del QS30 WORLD-BEAM è in grado di rilevare la filettatura di un foro nel collettore da una distanza di 800 mm.

  44. Questa applicazione utilizza un sensore Serie iVu configurato per un'ispezione con lo strumento Area. Quando vengono praticati i fori, il sensore li esamina per accertare che siano tutti presenti e delle giuste dimensioni. Se non è così, il sensore trasmette un apposito segnale alla linea, causando lo scarto dell'elemento.

  45. Questa soluzione prevede l'uso di un sensore Serie iVu configurato per un'ispezione Match per assicurare che, in ciascun componente che includa un gruppo cuscinetto, siano presenti tutti i cuscinetti. Se il sensore rileva uno o più cuscinetti mancanti, segnala un errore alla linea di produzione e il componente viene scartato.

  46. Il sensore laser Banner LE550 è l'ideale per i processi di verifica del corretto posizionamento dei componenti. Si tratta di un sistema affidabile ed estremamente accurato per la verifica di caratteristiche di piccole dimensioni per garantire il corretto posizionamento di componenti anche da lunghe distanze. Il sensore LE550 misura uno spessore di 3 mm utilizzando l'uscita digitale, verifica la presenza della clip di ritenzione e il posizionamento corretto del blocco motore.

  47. Il sensore di colore ad alta risoluzione R55F controlla se gli elettrodi di una saldatrice rientrano nelle specifiche, per assicurare così che anche il pezzo lavorato rientri a sua volta nelle specifiche. In questa applicazione con condizioni ambientali non ottimali, il sensore di colore utilizza fibre di vetro per garantire elevati livelli di durevolezza e resistenza al calore.

  48. Il sensore di soppressione dello sfondo WORLD-BEAM QS18 a campo regolabile è una soluzione eccellente per questa applicazione di verifica del corretto posizionamento dei componenti, che richiede una distanza di scansione di 76 mm circa (3"). Grazie alle caratteristiche di elevato guadagno, la distanza di rilevamento regolabile con precisione e il raggio di luce rossa visibile, oltre a un certo grado di tolleranza, questo sensore assicura durabilità in un ambiente ostile.

  49. Mentre i veicoli avanzano su una linea di assemblaggio, un sensore laser L-GAGE LT7 Time-of-Flight viene direzionato all'interno del tettuccio parasole per verificare che il sedile dell'autovettura sia stato installato e che sia nella posizione corretta. Realizzato nella versione a riflessione con due uscite digitali (PNP) per portate estremamente elevate, fino a 250 m, il sensore è molto versatile.

  50. Una volta che un robot ha inserito più dadi a saldare in un componente per autoveicoli, un operatore posiziona il pezzo in una stazione di ispezione dotata di due sensori di visione PresencePLUS P4 OMNI. Se non inseriti correttamente, i dadi potrebbero essere mancanti, orientati al contrario o inclinati su un lato. Il sensore PresencePLUS P4 OMNI ispeziona i dadi a saldare per verificare se siano presenti, correttamente orientati e non inclinati. La camera di visione compensa lo spostamento da un pezzo all'altro ed è in grado di effettuare ispezioni da una grande distanza.

  51. Un sensore di visione PresencePLUS COLOR Pro ispeziona i fusibili colorati in una scatola portafusibili per verificare che ciascuno si trovi nella posizione corretta.

  52. Al termine di un test sottovuoto della massa d'aria di una condotta nel settore automotive, un carrello sposta il sensore PresencePLUS Pro in posizione sopra l'estremità aperta di una condotta. Il sensore PresencePLUS Pro verifica che il sensore di temperatura sia ancora in posizione all'interno della condotta e che non sia danneggiato.

  53. Un dispositivo PresencePLUS P4 OMNI 1.3 ad alta risoluzione montato sopra una linea di produzione ispeziona i componenti dello sterzo dopo che sono stati stampati. Il dispositivo P4 OMNI identifica le aree in cui il materiale è in eccesso o insufficiente.

  54. Un sensore di visione PresencePLUS P4 COLOR OMNI verifica in fase di assemblaggio che le maniglie interne dello sportello siano del colore corretto. Un illuminatore assiale, applicato con staffe speciali, assicura un'illuminazione diffusa e omogenea, per ridurre il bagliore.

  55. Un sensore di colore iVu identifica i valori RGB dei singoli componenti della finitura sulla portiera di un veicolo e comunica questi dati tramite una connessione Ethernet industriale a un PLC.

  56. Il sensore Q5X verifica la presenza di componenti scuri su sfondo scuro, oltre a sedili di veicoli e componenti di vari colori.

  57. Il sensore Q5X verifica la presenza e la posizione di oggetti riflettenti in un ambiente ostile.

  58. Presso lo stabilimento del produttore, gli operatori inseriscono e rimuovono manualmente i pezzi nella pressa. Terminata l'operazione, i pezzi vengono convogliati in un cestino tramite uno scivolo in metallo. Per prevenire la rottura dello stampo (in caso di inserimento contemporaneo di più pezzi), il cliente richiede un sensore in grado di rilevare i vari pezzi presenti sullo scivolo, che invii inoltre un segnale al sistema di controllo per segnalare che la pressa è libera e fornire all'operatore il consenso per un'altra corsa. Doveva inoltre essere possibile installare il sensore senza necessità di ricavare fessure sui lati dello scivolo o montarlo alle estremità dello stesso, in quanto tali soluzioni avrebbero costituito dei punti di ritenzione per i pezzi.

  59. Man mano che aumenta il numero di componenti convogliati attraverso il forno, risulta sempre più difficile mantenere un ritmo sostenibile di prodotti che devono essere scaricati. Di conseguenza, aumenta la congestione nell'area di smistamento. I prodotti vengono deviati in modo errato o persino danneggiati. Una pausa nel flusso di componenti consente all'operatore sul lato scarico di correggere gli errori e vuotare una stazione di prelievo. Tuttavia, la distanza tra le aree di carico e scarico, oltre alle interferenze ambientali causate dai macchinari circostanti, complicano la comunicazione tra gli operatori.

  60. Il sensore con ricevitore ottico DF-G1 di Banner distingue i vetri con o senza colore in base alla quantità di luce esterna che li attraversa. Il dispositivo DF-G1 completo di elettronica è facilmente configurabile grazie a un pulsante che permette di regolarlo lungo il nastro trasportatore. Un display utente intuitivo visualizza immediatamente il feedback proveniente dal sensore.

  61. Il fotoricettore in fibra ottica DF-G1 di Banner è un prodotto unico e conveniente che va collocato direttamente nelle apparecchiature di test per assicurare che le luci funzionino correttamente. Con lo stesso doppio display intuitivo e la stessa interfaccia di programmazione degli altri modelli DF-G1, il fotoricevitore può essere integrato e interfacciato con apparecchiature di test e assemblaggio e sistemi di controllo delle apparecchiature di test per condurre ispezioni del tipo Buono/Scarto (pass/fail).

  62. Con l'unità All-In-One, il pulsante di arresto di emergenza abbinato a un OTB forma una stazione operativa semplificata per le linee di produzione che non richiedono cavi o ulteriori custodie. I pulsanti di emergenza con fissaggio da 30 mm di Banner funzionano bene per questo tipo di applicazione. Quando sono azionati, la base illuminata passa dal giallo al rosso lampeggiante, rispondendo ai requisiti degli arresti di emergenza. La vicinanza del pulsante per l'arresto di emergenza all'OTB implica che gli operatori possono azionarli velocemente e facilmente

  63. Installando coppie di sensori DX70, torrette luminose e scatole interruttore, i produttori possono creare una rete di notifica wireless e comunicare i dati dove richiesto nel reparto produzione. Gli operatori possono azionare gli interruttori per chiamare un responsabile della linea di produzione, un tecnico o per richiedere ricambi o consumabili. Utilizzando il sistema di notifica con torrette luminose, gli impiegati, i responsabili e i tecnici non dovranno più controllare costantemente ciascuna linea di produzione.

  64. Quando dietro a un armadio si trova una finestra, è necessario un indicatore a LED dalla luce brillante e di lunga durata per assicurare una segnalazione ben visibile durante il giorno. Il lampeggiatore Banner EZ-LIGHT K50 è perfetto per molte applicazioni di segnalazione dello stato, in particolare per questo armadio poiché il lampeggiatore risulta ben visibile anche durante il giorno e presenta LED estremamente durevoli e a basso consumo.

  65. In molteplici processi di manifattura del settore automotive, per indicizzare i componenti in varie stazioni di lavoro sia manuali che automatiche vengono utilizzate delle tavole rotanti. In molti casi prima dell'indicizzazione è necessario fare uso di sensori per verificare che i componenti siano presenti e che vengano posizionati o lavorati correttamente. Storicamente la soluzione basata sull'uso di anelli di contatto per consentire il collegamento dei segnali e dell'alimentazione del sensore con il sistema di controllo si è spesso dimostrata costosa e inaffidabile. Occorre una soluzione alternativa che consenta di elaborare più segnali dei sensori, aumentando anche l'affidabilità.

  66. Gli stampi in una pressa per pneumatici risultano gravemente danneggiati se la pressa modella il battistrada su un pneumatico non vulcanizzato, senza battistrada o della dimensione sbagliata. Per convogliare ciascun pneumatico alla pressa corretta, i sensori di visione Banner PresencePLUS P4 BCR 1.3 smistano i pneumatici non vulcanizzati identificando un codice a barre applicato al tallone del pneumatico. In questa applicazione, i pneumatici non vulcanizzati transitano su un nastro trasportatore sotto un supporto con sei sensori di visione BCR 1.3.

  67. Un produttore di leghe speciali e in acciaio inossidabile fabbrica billette, blumi e lingotti per l'industria siderurgica. Durante la produzione, la movimentazione delle billette di magnesio è affidata a robot articolati. Degli interruttori di prossimità collocati presso i manipolatori robotici comunicano le informazioni sullo stato dalle pinze a un pannello di controllo. Gli interruttori di prossimità erano collegati al pannello di controllo mediante cavi per applicazioni robotiche. Le sfide poste dall'ambiente e dal movimento del robot, però, avevano finito per compromettere l'integrità dei cavi. Le interruzioni erano, quindi, frequenti, rendendo necessari interventi di riparazione e sostituzione che causavano arresti della produzione, incremento dei costi e una riduzione della produttività